Stagionalità


STAGIONALITÀ DI SETTEMBRE
Verdure: aglio, barbabietola, basilico, bieta da coste e da taglio, bietola, broccolo, carota, cavolo cappuccio, cavolo verza, cetriolo, cicoria bianca, rossa, verde e bionda, cicoria catalogna, orchidea rossa e puntarelle, cipolla, costa, erba medica, fagiolo borlotto nano e rampicante, fagiolino, finocchio, fungo, grano saraceno, indivia riccia, lattuga romana, rossa e dei ghiacci, maggiorana, mais, melanzana, mentuccia, patata, peperone, pomodoro, porro, radicchio, rapa, riso, rucola, scorzonera, sedano, sedano rapa, seme di girasole, seme di lino, seme di sesamo, soia, spinacio, zucca, zucchina ibrida chiara e scura.
Pesce: acciuga, alice, calamaro, cefalo muggine, dentice, gattuccio, mazzancolla, moscardino, ombrina, orata, pannocchia, pesce spada, ricciola, rombo chiodato, sarago, sardina, seppia, sogliola, spigola, tonno rosso, triglia, vongola verace.
Frutta: anguria, arachide, banana, cachi, cocomero, fico, fico d'india, limone, lampone, mandorla, mela, melagrana, melone, mora, nocciola, pera, pesca, pistacchio, prugna, uva.

giovedì 7 aprile 2011

Welcome back

Quasi inaspettatamente, il muscoletto sotto processo ha deciso di arrendersi, di rigare dritto. Non me la voglio gufare da solo, me ne guardo bene, ma da martedì non mi da più cenni di rigidità, dolori. Sto provando a sollecitarlo in maniera sempre più decisa e risponde bene, anche se un po' di ruggine, di poca scioltezza, lo stop l'ha lasciata. Forse, più della tecar potè il riposo? Chi lo sa, forse la combinazione delle due cose.
Settimana scorsa, la mia scampagnata nel bosco di giovedì mattina aveva lasciato un po' di dolori. Sapevo che il collinare sconnesso non era il massimo per l'infortunio, ma non ne potevo più del solito giro di corsa lenta. Sabato mattina a Ferrara ho fatto il giro delle mura  (9km circa), partito accorto ho via via aumentato il ritmo senza percepire niente di che, solo un leggerissimo fastidio che andava e veniva. Lunedì 10km di corsa lenta tra i 4'30" e i 4'40" al km con Simo e Paola, e anche qui nessun disturbo, che fosse la svolta?
Decido di prendere di petto la cosa, il martedì provo a fare dei 200, così il giorno dopo quando inizio la tecar riesco ad avere un giudizio preciso. 6km a 4'20"/30" e 8 da 200m su sterrato in progressione, senza partenze secche, recupero 1'. Ne viene una media di 42", ma la buona notizia è che il muscolo regge e non dà nessun dolore nè contrazione.
Il mattino dopo un'ora di Tecar, fatta in movimento, mentre faccio forza, allungando il muscolo, dalla zona lombare al piede ecc ecc ecc... Nel pomeriggio e sera la gamba è stanchissima, mi sembra di aver fatto 20km. Chiedo al fisio "ma domani corro?", risposta "fai quello che vuoi, non ci sono problemi". Chiamo coach Silvio, glielo dico e per risposta ottengo "ok, allora proviamo a forzare, così se capita qualcosa a pranzo hai ancora la tecar, e ti sistema. 5x200 in 42" e un 2000 sotto i 4' al km. Poi fammi sapere".
Si, non è che corri rilassato in attesa di un eventuale fitta, ma è giusto provarci, nelle ultime 3 uscite non ho avuto dolore. E così stamane alle 11, con già 20°, faccio il mio allenamento. 4km a 4'20"/30", 5 da 200 tra 38" e 40" e il 2000 in 7'17"!! Continuo a guardare l'orologio. 7'17"??? Avevo visto il passaggio in 3'40" ma ero più attento a valutare il muscolo che il ritmo. Beh, evviva! 
Ma pensa te... sicuramente aveva ragione il buon Franchino quando mi ha scritto "lo stop serve anche a rigenerare", ma questo è proprio inaspettato. Beh, l'importante è che il dolore sia sparito, come si pensava l'infiammazione era in un punto rognoso ma non era forte, oggi tecar e sabato mattina ancora. Domenica la mezza a Borgomanero la faccio come lungo, sperando di non morire dopo il 15° km, non faccio così tanti km da più di un mese. Ma il cielo verso gli Europei di maggio è un po' più blu...

14 commenti:

fathersnake ha detto...

@Oliver
Non tutti gli stop vengono per nuocere :-)

GIAN CARLO ha detto...

La buona stagione per i dolori muscolari ..talvolta fa miracoli.

Oliver ha detto...

@Father Beh, speriamo! Ma pare di si, al momento

@Janco Vero, me l'ha detto anche il fisio, temperature più alte favoriscono la circolazione e l'elasticità. Ben vengano!

teo ha detto...

oh!!!bella notizia Oli...se la fai come lungo domenica,a quanto la fai?

Grezzo ha detto...

Per fortuna hai recuperato bene e in fretta, a volte magari è solo eccessivo stress recuperabile cn il riposo

Patty ha detto...

ti auguro che rimanga blu sempre.....e poi il sole è sempre meglio ;-D
Divertiti domenica.

Pimpe ha detto...

ci vediamo domenica ;-)
ciao

nino ha detto...

dai che per le undici avrai già finito e non rischierai du schiattare di caldo

arirun ha detto...

dato che corri di gusto..La zucca ferrarese è terapeutica quasi come la salama da sugo..se non si esagera nelle dosi :)Diversamente in autunno, la nebbia xò, blocca le articolazioni per mesi meglio quindi evitare la zona !!!

theyogi ha detto...

'rigenera' e allena, persino! ho letto di grandi cosa seguite a stop inaspettati, se poi hai pure uno staff all'altezza... ;)

Oliver ha detto...

@Teo Già, bella sorpresa. Il ritmo non lo so, partirò a 4'30" e man mano vedo, credo intorno all'ora e 30'.

@Grezzo Mah, chi lo sa. Il fastidio è praticamente sparito, meglio così.

@Patty Blu e sole, sempre se si può. Qualche nuvoletta ogni tanto per rompere la monotonia... :D Buon weekend anche a voi

@Pimpe Hasta el domingo!

@nino Mi auguro! :D Ma la temperatura a Borgo dovrebbe essere qualche grado sotto milano.

@arirun Ti confermo che la zucca era buonissima! Anche il salame e il pesce. La salama invece non me la sono sentita, faceva troppo caldo. Bel posto però, dà l'idea del ben vivere

@Yogi Mah, misa che è proprio così. Ma bisogna dosarlo bene perchè poi la pigrizia dà dipendenza!! ;D

Master Runners ha detto...

Ogni tanto si leggono buone novelle!
Sempre più blu ma non troppo caldo please!!

franchino ha detto...

;-)

Luca "Ginko" ha detto...

azz se lo stop serve per rigenerare io sarò in formissima dopo un mese :-) Credo che la temperatura aiuti per i doloretti muscolari ma anche il riposo ha dato i suoi frutti.