Stagionalità


STAGIONALITÀ DI SETTEMBRE
Verdure: aglio, barbabietola, basilico, bieta da coste e da taglio, bietola, broccolo, carota, cavolo cappuccio, cavolo verza, cetriolo, cicoria bianca, rossa, verde e bionda, cicoria catalogna, orchidea rossa e puntarelle, cipolla, costa, erba medica, fagiolo borlotto nano e rampicante, fagiolino, finocchio, fungo, grano saraceno, indivia riccia, lattuga romana, rossa e dei ghiacci, maggiorana, mais, melanzana, mentuccia, patata, peperone, pomodoro, porro, radicchio, rapa, riso, rucola, scorzonera, sedano, sedano rapa, seme di girasole, seme di lino, seme di sesamo, soia, spinacio, zucca, zucchina ibrida chiara e scura.
Pesce: acciuga, alice, calamaro, cefalo muggine, dentice, gattuccio, mazzancolla, moscardino, ombrina, orata, pannocchia, pesce spada, ricciola, rombo chiodato, sarago, sardina, seppia, sogliola, spigola, tonno rosso, triglia, vongola verace.
Frutta: anguria, arachide, banana, cachi, cocomero, fico, fico d'india, limone, lampone, mandorla, mela, melagrana, melone, mora, nocciola, pera, pesca, pistacchio, prugna, uva.

giovedì 12 agosto 2010

Trittico ok!

Da settimana scorsa è iniziata la preparazione specifica, rivolta alle gare autunnali di 5k e 10k e, più in là alle campestri invernali. Di fatto è una novità per me, che in fondo ho sempre finalizzato le preparazioni a mezze, gare medio-lunghe e (poche) maratone. C'era però il desiderio di cambiare qualcosa, di lavorare dove non l'avevo mai fatto e dove mi sentivo più debole. Per migliorare, per motivarmi, per mettermi alla prova e perchè innalzando la velocità di base si andranno a migliorare, mi auguro, anche le performances sulle mezze e sulla maratona autunnale dell'anno prossimo.
Una serie di lavori lattacidi, recuperi più lunghi, ritmi più elevati, nonchè giorni di carico consecutivi che, quando ho letto il programma di Silvio (il mio fantastico coach) mi hanno anche un po' "preoccupato". Già, perchè correndo sempre da me e non a Milano per tutto il mese, non ho alternative ai percorsi collinari; così oltre ai ritmi e ai carichi, devo gestire anche la fatica muscolare dei saliscendi.
La prima sequenza di giornate di carico è stata questa settimana:

martedì:  20' risc e 6x1000 rec. 2'
mercoledì:  6km a 4'20"/30" + 10x30" in salita + 5x200 in 40"/42" rec. 1'
giovedì:  4km risc + 10x400 in 1'30" rec. 1'30"

Riposo solo il venerdì, e pur non avendo fatto carichi eccessivi martedì ero stanco, complice il rientro alle 24 dal lavoro e sveglia presto per correre col fresco. Ma vabeh, la motivazione e la voglia sono alte per cui mi cimento nei 1000. Pur con fatica riesco a farli a 3'35" di media (tranne uno a 3'45" con le gambe inchiodate), che mi lascia un po' contento e un po' preoccupato, per il livello di fatica che ho fatto in previsione dei due giorni successivi.
Mercoledì mi alzo dal letto con fatica, non è prestissimo (7,30) ma ho dormito poco, i 6km a 4'20" non riesco a farli, sono pesante e corro a sensazione a 4'45", le salite le trovo faticose, 30" di sprint in pendenza lasciano il segno ma hanno il pregio di svegliarmi, anche muscolarmente. Infatti i 200 successivi li corro in 40" con buona scioltezza.
Oggi, la sorpresa. Mi immaginavo gambe indolenzite e pesanti, e invece dopo il riscaldamento e complice una temperatura fresca ho iniziato i 400 con buona verve. Cercando di tenere 1'30" mi rendo conto nei passaggi che sto frenando, chiudo in 1'28" ma ho la sensazione di non allenarmi. Allora lascio alle sensazioni e all'esperienza sul dosaggio dello sforzo la dettatura del ritmo. Ne viene fuori un bel lavoro, 1'25" di media, corsi bene e con recupero quasi troppo lungo.
Le ultime due prove le ho corse sotto il diluvio universale, sono però tornato a casa contento trotterellando per defaticare. Sorpreso di aver corso meglio il terzo giorno rispetto al primo e contento del lavoro svolto, e del fatto che domani c'è riposo!!
Ah, le mie Adidas Boston sono quasi al limite, ancora qualche km poi dovrò abbandonarle al loro destino. Come A2 tocca ora alle Adidas Adizero CS (nella foto) che mi pare abbiano la calzata un po' più secca. Qualcuno le ha provate?

8 commenti:

arirun ha detto...

io le sto usando a tutt'oggi,colorazione diversa(blu)calzano come due pantofole e il termine secco direi proprio che si addice parecchio la peca è la suola quei triangolini nell'interno piede sono volati via in fretta e il grip è limitato se piove io le evito!!

franchino ha detto...

Azz... tre giorni di lavori consecutivi, se riesci inframezzali con un riposo. Secondo me così tutti in una volta sono troppo...
Le CS sono più reattive delle Boston sicuramente, che modello avevi? Le nere o già le gialle flou? Io ho quest'ultime e le trovate molto migliori rispetto alle nere, le hanno modificate leggermente. Le CS le userei fino ai 10 km e per le distanze più lunghe sfrutterei le Boston.
Ciao!

Patty ha detto...

quelle gialle le ho comperate ( scontatissime) ieri per mio figlio ma visto che abbiamo lo stesso numero le proverò!!!

theyogi ha detto...

cambiare e rinnovarsi non solo è utile ma addirittura necessario, secondo me.... ah, c'è chi pagherebbe per i collinari! ;)

Master Runners ha detto...

Ultimamente anch'io non faccio altro che allenamento su sali scendi, non impegnativi, ma quel che basta per spezzare un pò il ritmo.
Dicono che sono molto 'allenanti', ....vedremo! ;)
Complimenti per il tris!
Anch'io ieri ho fatto tris:
1 Gamberoni
2 Capesante
3 Sarago grigliato!
;)

Albe che corre ha detto...

Tre lavori di fila richiedono più giorni di recupero per essere assimilati ..si rischia il sovrallenamento, io andrei per gradi, ma se il tuo allenatore dice così!
Sicuramente ti torneranno utili anche per le gare più lunghe.

Io corro con le Boston tutte le gare ed ho preso il modello nuovo che anche se un pò più pesanti delle 2009 le trovo ancora molto reattive.. per le CS ci farò un pensierino.

Oliver ha detto...

@arirun le sensazione che ho camminandoci sono belle, spero che i triangolini della suola non mi facciano scherzi

@frank Sono d'accordo, ma giardando la tabella fino a fine mese sono gli unici tre giorni di fila. Saranno stati una specie di test. Di Bostono ho avuto quelle bianche prima e le nere poi, le CS le avevo già ma ho usato prima le Boston, non so perchè. Ho visto che sono uscite quelle nuove adesso, dopo le flou, sai se sono cambiate ancora? Mi piacerebbe provare le CS fino alla mezza, ma deciderò quando ci correrò sopra.

@patty brava, provale! E' un altro correre, ma la protezione diminuisce sensibilmente.

Oliver ha detto...

@yogi pagherebbero per i collinari, ma quando ci corrono vogliono i soldi indietro!

@master allenanti lo sono eccome, ma sollecitano molto la muscolatura col rischio di infortuni come l'infiammazione del piriforme. 'na palla...
Direi che il tuo trittico è fenomenale! Ne è avanzato?

@albe come dicevo a Frank sono stati tre giorni così, una tantum. Di qui in avanti il carico si alterna a recupero attivo. Già fatta anni fa la cagata del sovraccarico, in maratona ero più stanco di quando mi allenavo... Io per le gare di 5 e 10k uso le Adios che trovo ottime, più su di km uso le Boston.