Stagionalità


STAGIONALITÀ DI SETTEMBRE
Verdure: aglio, barbabietola, basilico, bieta da coste e da taglio, bietola, broccolo, carota, cavolo cappuccio, cavolo verza, cetriolo, cicoria bianca, rossa, verde e bionda, cicoria catalogna, orchidea rossa e puntarelle, cipolla, costa, erba medica, fagiolo borlotto nano e rampicante, fagiolino, finocchio, fungo, grano saraceno, indivia riccia, lattuga romana, rossa e dei ghiacci, maggiorana, mais, melanzana, mentuccia, patata, peperone, pomodoro, porro, radicchio, rapa, riso, rucola, scorzonera, sedano, sedano rapa, seme di girasole, seme di lino, seme di sesamo, soia, spinacio, zucca, zucchina ibrida chiara e scura.
Pesce: acciuga, alice, calamaro, cefalo muggine, dentice, gattuccio, mazzancolla, moscardino, ombrina, orata, pannocchia, pesce spada, ricciola, rombo chiodato, sarago, sardina, seppia, sogliola, spigola, tonno rosso, triglia, vongola verace.
Frutta: anguria, arachide, banana, cachi, cocomero, fico, fico d'india, limone, lampone, mandorla, mela, melagrana, melone, mora, nocciola, pera, pesca, pistacchio, prugna, uva.

mercoledì 25 agosto 2010

Le sorprese non finiscono mai

Già abituato (fortunato) a correre d'estate con temperature discrete, questo ritorno improvviso di afa mi ha mandato ko. Settimana scorsa, correndo al mattino ho sfruttato il fresco, il weekend sono andato a trovare l'allenatore a Gressoney che, per la contentezza di vedermi mi ha subito proposto: "Oohhh visto che è un po' che non ti vedo correre domani si fa il bigiornaliero! Mattino trekking e pomeriggio allenamento...".
La temperatura era fresca e l'umidità minima, dopo una "passeggiata" fino al rifugio a 2550m di quota e discesa, il pomeriggio mi aspettavano 4km lenti e 4 da 1000 frazionati: i primi 2 fatti 200m forte e 200m piano, il terzo tirato e il 4° 400m forte, 200m lenti e altri 400m forte. Il 2° e il 4° in salita (corribile ma sentita). Dopo i primi 4km un po' incredulo per la facilità a 4'20" è iniziato il divertimento, alternando 200 in 40"-42" a 200 in 55", il mille tirato in 3'18" (agli 800 ero in coma pieno) e i 400 di ritorno in 1'30" e 1'34", entrambi in salita. Alla fine non mi sono inginocchiato sulla strada per dignità. Al mattino con le gambe pietrificate ho fatto 8-9km tranquilli, che tra altitudine e collinare sono diventati tutto fuorchè tranquilli.
Tornato in quel di Borgomanero con un lunedi di corsa tranquilla (ma già afosa), ieri per ritrovare gli amici del campo dopo le vacanze mi presento al Campo XXV Aprile a Milano alle 13, programma 1x3000 tirato e 4x1000, in montagnetta non in pista...
Appena sceso dall'auto ho capito che avrei sofferto, a metà del 3000 stavo già fanculizzando tutto il fanculizzabile, dopo il 2° da mille ho gettato la spugna, ero stordito dal caldo, mancava l'aria e stavo facendo una fatica bestiale. E quella stanchezza me la sono trascinata per tutto il giorno.
Sono stato contento di aver ritrovato gli amici, ma l'appuntamento di rito al campo slitta di una quindicina di giorni, un caldo del genere è poco salutare oltre che poco redditizio. Mica mi devo allenare per correre all'equatore!

10 commenti:

fathersnake ha detto...

Il tuo allenatore sta a Gressoney? Da Borgomanero non è vicinissimo.
Da dove passi per attraversare la Serra? Mongrando?

Oliver ha detto...

No no, sta vicino a Milano, a Gressoney c'è per le vacanze. La via più veloce è scendere fino alla A4 e poi per Aosta. Ma tornando ho fatto la statale fino ad Albiano passando per Ivrea (tu sei lì no?), però è una zona che conosco poco, se non niente.

Norge ha detto...

Ciao Oliver, come darti torto .... ieri ho svolto anch'io il lavoro di ripetute ed è stato un vero suplizio ... più lento di 6'' rispetto la tabella e una fatica immane. Speriamo che questo caldo infernale sia oramai alla fine.
Ciao.
Fausto/Norge

fathersnake ha detto...

Io sono di Borgofranco d'Ivrea (che comunque è lì nei pressi).
Sì, effettivamente è più veloce. Ma quando vengo dalle "vostre parti" e non ho problemi di tempo accorcio molto facendo il tratto Mongrando-Biella-Cossato-Gattinara-Romagnano Sesia.

arirun ha detto...

..ma si bruciano più grassi o più zuccheri a "..fanculizzare tutto il fanculizzabile.."e soprattutto di quanto bisogna oltrepassare la soglia anaerobica per ottenere questo diritto:))

Luca "Ginko" ha detto...

L'unica cosa belle dell'umiità è che se corri solo 1 km sembra che ne hai fatti 20 e tutti ti guarano con ammirazione :-)
L'ultima volta che sono stato a Gressoney eravamo in 4 con gli sci su una diane beige!

Luca "Ginko" ha detto...

L'unica cosa belle dell'umiità è che se corri solo 1 km sembra che ne hai fatti 20 e tutti ti guarano con ammirazione :-)
L'ultima volta che sono stato a Gressoney eravamo in 4 con gli sci su una diane beige!

Grezzo ha detto...

Eheh, anch'io non sopporto il caldo, soprattutto quello di città, e ricordo benissimo quanto è terribile Milano. Comunque è vero, correre in queste condizioni non è redditizio per il corpo, e si può anche andare incontro ad esurimento fisico.

theyogi ha detto...

ma se invece lo ignorassimo, il caldo, dici che si stufa e se ne va?! col fisico integro che ti ritrovi te puoi sbattere...

Oliver ha detto...

@norge speriamo!! Io non lo sopporto il caldo

@father strada alternativa molto interessante, la proverò!

@luca e sulla diane chi ci pensava a correre eh?

@arirun che disastro, secondo me stavo bruciando più neuroni, quei pochi rimasti...

@grezzo Si fa una fatica talmente fuori portata che è palese che non ti fa bene

@yogi Yo', col fisico integro che ho mi stavo sbattendo per terra cercando aria in ogni dove, volevo vivere in una fontana!